I nostri progetti

ORFANI DI ZOULU

Dopo la tragica morte di Zouloukoufoulou Tchagodomou, detto Zoulu (un dipendente di GIERRE di 41 anni originario del Togo e ucciso dalla malaria dopo un viaggio in Africa e un vano ricovero all’ospedale di Lecco), il team Nonno Peppino Onlus si è subito attivato per sostenere i due figli.

Nonno Peppino Onlus continua a sostenere i ragazzi affinché si possa assicurare loro il sostegno economico di base per vitto e alloggio e possano vivere in un appartamento adatto ad una famiglia.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

LUCA, UN BAMBINO AUTISTICO

Il nome è di fantasia. La famiglia ci ha chiesto un sostegno, avendo da poco scoperto che il proprio figlio ha questa disabilità.  Il bimbo deve frequentare una scuola privata molto costosa, ed essere seguito da specialisti per attività particolari e dove gli viene fornita assistenza specifica.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

MARIA

Maria, nome di fantasia, è una bambina colpita
da una rara malattia : la epidermolisi bollosa distrofica. Tutti i giorni Maria deve fare medicazioni su tutto il corpo perché la pelle è  talmente delicata che si stacca e di formano bolle con siero. Queste medicazioni per ora sono a carico del Servizio Sanitario Nazionale, ma per tutto quanto concerne i prodotti per l’igiene personale, il costo è completamente a carico della famiglia.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

In collaborazione con
Sosteniamo l’associazione “Un gesto per loro Onlus”

Nonno Peppino Onlus sostiene l’associazione
Un gesto per loro – Onlus nelle sue attività di solidarietà a favore dei bambini che vivono nelle regioni toccate dall’incidente nucleare della centrale di Chernobyl (Ucraina) del 1986.

La Onlus organizza due volte l’anno (durante le vacanze estive ed invernali) l’ospitalità di bambini, con età compresa tra i 7 ed i 16 anni, provenienti dalle aree contaminate dal disastro nucleare, in particolare dalla regione ucraina di Cernighiv.

L’ospitalità è realizzata presso le famiglie italiane alle quali viene chiesto di sostenere i costi di trasferimento dall’Ucraina e di provvedere al vitto e all’alloggio dei minori ospitati. L’associazione, tramite i suoi volontari, si occupa di tutti gli aspetti organizzativi, garantisce la presenza di accompagnatori madrelingua e si occupa della formazione delle famiglie, dei rapporti con le parrocchie e con i comuni.

www.ungestoperloro.org

I commenti sono chiusi